Mente di Buddha








   
IL KESA, ABITO ZEN
zen
 
Pratica zen
Meditazione
Sutra
Kesa
Cerimonia del the
Calligrafia
Letture
Curiosità



Il Tesoro dei precetti della Natura di Buddha
E' impresso nel profondo del nostro spirito.
La nebbia e la rugiada, la pioggia e la bruma
Sono il Kesa che riveste il nostro corpo
Yoka Daishi, Shodoka, frase 39



Il Kesa (sanscrito Kasaya) è l'abito portato da tutti i monaci buddhisti e, assieme alla ciotola, è il loro emblema. La leggenda vuole che il Buddha, camminando con Ananda, notò una risaia suddivisa in terrazze e fece solo un gesto al fedele discepolo che immediatamente comprese, realizzando un abito, capace di distinguere i discepoli del Buddha, che riproduceva il disegno del campo di riso. Il Kesa era nato. Per preparalo i monaci raccoglievano pezzi di tessuto scartati o consunti, panni mestruali, sudari e stracci luridi, li lavavano, li tingevano e li cucivano insieme dando vita al "più prezioso degli abiti". Se lo zazen è l'attività che abbraccia le contraddizioni dell'esistenza per trasformarle in illuminazione, il kesa, trasforma qualcosa di sporco e rifiutato in uno straordinario abito simbolo della purezza originale.

Nel corso dei secoli e a seconda delle regioni il Kesa ha cambiato la forma e il modo in cui è indossato. Per esempio nei paesi del Sud est asiatico è portato direttamente sulla pelle mentre in paesi più freddi, come il Tibet o la Cina viene indossato sopra altri abiti. Tre sono i Kesa che un monaco deve possedere: quello a cinque bande verticali, quello a sette e quello a nove. Nello Zen questa tradizione è stata leggermente modificata e il Kesa a cinque bande (gojo-e) è stato trasformato in un piccolo abito "da viaggio" o Rakusu, che si porta intorno al collo. Nero è il colore dell'abito dei novizi, mentre ocra è il colore dell'abito dei maestri che hanno ricevuto la Trasmissione del Dharma.

Secondo la Tradizione Zen del Kesa Nyoho E (lett. così come deve essere), alla quale il Centro di Piazza Dante si riferisce, ogni monaco è tenuto a cucirsi il proprio abito secondo precise regole. La cucitura è dunque considerata un'ulteriore forma di meditazione, durante la quale occorre mantenere una corretta postura, un corretto atteggiamento mentale e recitare ad ogni punto il mantra:"Namu Kie Butsu".

 

Sito a cura di CIPdesign - Testi di Dario Girolami
e-mail info@romazen.it